giovedì 3 maggio 2012

Strumenti, tecniche e materiali per costruire un paper toy (quarta parte)

Torno ad aggiornare il tutorial, inserendo questa quarta parte, per parlarvi di due soluzioni che ho sperimentato di recente riguardo all'incollaggio dei paper toys.

L'INCOLLAGGIO (seconda parte)

Pritt Power Stick (prodotta da Henkel)


Ci siamo! Finalmente una colla stick efficace, che asciuga in tempi rapidi e che ha una forte tenuta.
Sulla confezione viene dichiarato che con la Pritt Power è possibile incollare addirittura alcuni tipi di plastica e legno! Personalmente l'ho provata solo sulla carta ed effettivamente funziona meglio delle normali colle stick. Dall'applicazione del prodotto all'asciugatura passano circa 15 secondi, e se avete usato un buon quantitativo di colla difficilmente la carta si staccherà.
C'è da dire però che, come tutte le colle stick, non è sempre facile applicare il giusto quantitativo di prodotto sui ritagli di carta più piccoli. Inoltre sarebbe bello se il tempo di asciugatura si riducesse ulteriormente.

Mettendo da parte le colle, vorrei parlarvi brevemente del nastro biadesivo.

Nastro biadesivo

Ho cominciato ad usarlo per i toy solo di recente e mi sono trovato piuttosto bene.
Innanzitutto la tenuta dell'incollaggio è davvero buona, poi se si lavora bene è possibile ottenere un risultato pulito e priva di sbavature.
La comodità sta anche nel poter applicare il nastro sul foglio ancora da ritagliare, permettendoci in questo modo di ottenere un lavoro pressoché perfetto.
Se il nastro è di buona qualità ci permetterà di incollare anche strisce di carta sottilissime, operazione che con la colla si rivela abbastanza ostica.
Attenzione però, lo scotch biadesivo non è riposizionabile! Il che significa che bisogna posizionare i due pezzi da incollare con attenzione e precisione, perché una volta che il nastro ha aderito alla carta non si potrà più staccare se non danneggiando irrimediabilmente la superficie.

Se avete suggerimenti, postate pure un commento!

• Leggi la prima parte

• Leggi la seconda parte 


• Leggi la terza parte
Posta un commento