venerdì 2 aprile 2010

Strumenti, tecniche e materiali
per costruire un paper toy (prima parte)

:::Tutorial aggiornato il 03/05/2012 con la quarta parte:::

In molti mi chiedono quale tipo di materiali e strumenti uso per stampare e assemblare i miei paper toy, quindi ho pensato di realizzare questa guida per spiegarvi quale procedura adotto e svelarvi dei piccoli trucchi per ottenere un buon risultato finale. In questa prima parte vi parlerò della scelta della carta, degli inchiostri e di come ottenere un buon risultato di stampa.
Buona lettura.


COME OTTENERE UNA STAMPA DI QUALITÀ
CON UNA STAMPANTE A GETTO D'INCHIOSTRO

Premetto che da sempre uso stampanti Epson, quindi la mia esperienza si basa in particolar modo sull'utilizzo delle loro macchine. Ciò non significa che quello che vale per le Epson non valga per le stampanti realizzate dalle altre case. Quello che conta è usare la carta giusta con le giuste impostazioni di stampa. Per ottenere un paper toy robusto e con colori vivaci occorre usare una cartoncino e non la normale carta da fotocopia, quella da 80 grammi al metro quadro tanto per capirci, ma allo stesso tempo vi sconsiglio di utilizzare una cartoncino troppo pensante, in quanto risulta più difficile da tagliare, piegare e incollare. Per non sbagliare, scegliete una carta con grammatura che va dai 150 ai 250. Personalmente non amo la carta lucida specialmente se usata per costruire un paper toy, a meno che non ci sia dietro un motivo particolare, quindi normalmente utilizzo una carta matte (opaca). La mia scelta ricade sull'ottima Epson Matte Paper Heavyweight da 167g/m². Una carta fabbricata in Giappone (paese con una certa esperienza in questo campo) che risulta resistente, bella al tatto e soprattutto, se usata con il giusto settaggio, ci restituisce colori molto intensi e saturi.


Possibilmente per le stampe finali usate sempre carte originali concepite appositamente per la vostra stampante e non carte compatibili fabbricate da altri produttori, conosciuti o sconosciuti che siano. Se intendete usare una carta compatibile, accertatevi prima che la vostra stampante supporti quella grammatura, altrimenti rischiate di danneggiare la macchina. Ovviamente per acquistare una carta di qualità bisogna essere disposti a spendere qualche euro in più, ma vi assicuro che ne vale la pena, poi per le bozze potete usare sempre una carta più a buon mercato. Io per le bozze uso un economico cartoncino opaco della Fabriano che, sinceramente, offre un risultato finale abbastanza scadente ma che almeno mi permette di fare delle prove senza sprecare la preziosa carta Epson. Per ottenere il massimo dalla Epson Matte Paper Heavyweight, prima di tutto dovete usarla dal lato giusto, ovvero quello più brillante, poi dovete settare la stampante su tipo di carta Epson Matte o Matte alto spessore, selezionare l'opzione qualità su foto migliore e togliere la spunta (che il software seleziona in automatico quando scegliete il tipo di carta) all'opzione PhotoEnhance*. Ora dovete solamente dare l'ok alla stampa e attendere che il foglio esca dalla macchina.


Anche l'uso di inchiostri originali incide notevolmente sul risultato finale della stampa. Per questo motivo vi consiglio di usare sempre inchiostri originali e, se disponibili, resistenti all'acqua. Usare inchiostri resistenti all'acqua vi permetterà anche di incollare il vostro paper toy usando una colla liquida senza rischiare che questa macchi o faccia scolorire le aree stampate. Per gli utenti Epson sono disponibili gli inchiostri DURABrite Ultra che, oltre ad avere un maggior grado di brillantezza rispetto agli altri inchiostri, hanno una resistenza maggiore nel tempo, asciugano subito e, ovviamente, resistono all'acqua.


Ora che abbiamo il nostro foglio stampato come si deve, possiamo procedere al montaggio.

* Tecnologia Epson che ottimizza i livelli di colore. Utile per immagini a bassa risoluzione.

Fine prima parte

Chi volesse intervenire segnalando le opzioni di stampa di altre stampanti (Hewlett-Packard, Brother, Canon, Lexmark ecc.) e/o i rispettivi materiali di consumo lo può fare commentando questo post. 

• Leggi la seconda parte

• Leggi la terza parte

• Leggi la quarta parte
Posta un commento